Salute

Mensile dopo parto: ritardo, irregolarità e altre caratteristiche

Pin
Send
Share
Send
Send


Il corpo di una donna dopo il parto si recupera in media in un anno. Lo sfondo ormonale ritorna gradualmente alla normalità e il lavoro di tutti gli organi interni è incluso nella modalità precedente. Abbastanza spesso c'è un ritardo nelle mestruazioni dopo il parto, ma non sempre le sue cause sono cambiamenti positivi nel corpo.

Una donna dopo il parto dovrebbe monitorare attentamente i cambiamenti nel corpo e conoscere le cause di alcuni cambiamenti. Il ritardo delle mestruazioni potrebbe essere presente dopo il parto, ma vale comunque la pena di scoprirne il motivo.

Possibili cause di ritardo dopo la consegna

Il parto è un processo complesso e responsabile per ogni donna. Nel periodo postpartum, da qualche tempo, la giovane madre ha una discendenza sanguinosa. Dopo che sono trascorsi 3 mesi dalla nascita e le mestruazioni non sono arrivate, dovrebbe essere stabilito il problema della sua assenza. Ci sono i seguenti motivi:

  1. Produzione di prolattina durante l'allattamento La prolattina è un ormone che assicura la disponibilità del latte materno e migliora il sistema di allattamento al seno. Se una donna allatta al seno, l'ormone previene l'insorgenza dell'ovulazione e quindi garantisce l'assenza di mestruazioni per un lungo periodo. Può essere 7-8 mesi.

  2. Una quantità insufficiente di estrogeni nel corpo di una donna. L'estrogeno è un ormone responsabile della formazione di follicoli nelle ovaie e dell'inizio dell'ovulazione. Con una quantità insufficiente di ormone mensile potrebbe non verificarsi per lungo tempo. Se il bambino viene allattato artificialmente, il periodo medio di inizio della mestruazione è di 2 mesi. Il successivo ritardo delle mestruazioni è un'anormalità relativa.
  3. L'emergere della patologia nei genitali. L'assenza prolungata di periodi può essere caratterizzata da ragioni non del tutto positive. Ad esempio, una cisti che si forma nelle ovaie provoca disturbi ormonali e provoca un ritardo delle mestruazioni. Se i sintomi non sono chiari, consultare immediatamente un medico.
  4. Lo sviluppo del processo del cancro nell'utero. La formazione di vari tumori nelle ovaie o nell'utero spesso inizia in modo asintomatico. Ma questa patologia provoca anche l'assenza del ciclo mestruale. Qui è necessario monitorare da vicino le manifestazioni generali ed è meglio ricevere immediatamente la raccomandazione di un ginecologo personale.

  5. Infezioni di vario tipo. Possono causare interruzioni, irregolarità mestruali, poiché cambiano completamente tutti i processi corretti nel contesto ormonale di una donna e provocano infiammazioni di lunga durata. Va notato che il ritardo delle mestruazioni non è l'unico fattore di infezione. Potrebbe essere accompagnata da altre caratteristiche.
  6. Carico nervoso sul corpo. Il parto provoca un grande stress per il corpo e la cura del bambino richiede molta attenzione e sforzo. Come conseguenza della stanchezza, della mancanza di sonno, il corpo della donna diventa nervoso. Potrebbe anche causare una lunga assenza del ciclo mestruale.
  7. L'inizio della gravidanza. Molte donne credono che dopo la nascita, l'assenza di mestruazioni non possa essere un segno di gravidanza. Ma spesso ci sono casi in cui si verifica l'ovulazione e quindi la fecondazione dell'uovo. Se la prossima gravidanza non è pianificata immediatamente, allora è ancora necessario prendere misure per prevenirlo.

  8. Formazione di tumori nella ghiandola pituitaria. Con il corso di una malattia così grave, il livello dell'ormone diminuisce bruscamente o è completamente assente. Vi è una violazione completa del sistema riproduttivo femminile e una prolungata assenza di mestruazioni. Il medico deve prescrivere determinati metodi di ricerca e regime di trattamento.

Cosa fare con un lungo ritardo delle mestruazioni

Il lungo ritardo delle mestruazioni provoca ansia irragionevole in ogni donna. Prima di andare nel panico, dovresti eliminare le possibili cause ed eseguire le seguenti azioni.

  1. Fai un test di gravidanza. Con un ritardo di oltre un mese, è possibile testare i livelli di hCG nelle urine. Se il test di gravidanza è negativo, mostrerà solo una striscia. Per risultati più accurati, è necessario un esame personale da parte di un ginecologo,

  2. Visita l'endocrinologo. Con lo sviluppo di una malattia come l'apoplessia pituitaria, è necessaria la consultazione di un medico specialista. Egli prescriverà test ormonali. E poi, se necessario, e ulteriori ricerche,
  3. Controlla altri sintomi di qualsiasi malattia.. Se sono trascorsi 5 mesi dalla nascita, tenendo conto dell'alimentazione artificiale del bambino e il periodo non è ancora arrivato, la donna deve esaminare attentamente le condizioni del corpo. La maggior parte delle malattie del sistema riproduttivo hanno effetti collaterali che possono verificarsi in dolori minori, febbre di basso grado, letargia costante e affaticamento,
  4. Visita il ginecologo e passa un esame generale. Ogni donna per qualche tempo dopo la nascita dovrebbe essere esaminata da un medico e superare tutti i test necessari. Mostreranno le condizioni generali del corpo e indicano la presenza di infiammazione. E in assenza di mestruazioni, questa procedura è obbligatoria!

Misure preventive per ritardare la nascita di un bambino

Le mestruazioni non sempre ritardate sono un segno di gravi anomalie o malattie. Il corpo di ogni donna è individuale e il ciclo mestruale può essere regolato a diversi intervalli di tempo.

Accade così che, dopo un esame completo, non siano state trovate ragioni serie per l'assenza di mestruazioni e la donna sia completamente sana. Pertanto, per ripristinare la regolarità delle mestruazioni, è possibile seguire alcune semplici regole.

  • Nutrizione e ricreazione complete. Una giovane madre deve seguire il regime alimentare, mangiare tutte le sostanze necessarie per il corpo e oligoelementi. Dopo tutto, la maggior parte delle donne allattate al seno aderire ad una certa dieta. Dovresti anche assicurarti il ​​massimo riposo.
  • Ogni giorno cammina nell'aria. All'inizio, dopo la nascita del bambino, le donne tornano alla normalità. Al fine di evitare lo sviluppo della depressione postpartum, oltre a ripristinare completamente il corpo, essere nell'aria ogni giorno è un imperativo,

  • Attività fisica moderata e mobilità attiva. Molte giovani madri iniziano ad allenarsi dopo 2 mesi. Ha un effetto positivo sul recupero del corpo e garantisce la presenza di buona salute. Pertanto, tali carichi e mobilità non hanno controindicazioni per una donna sana nel periodo postpartum,
  • Prevenzione dello stress nervoso. La maggior parte delle malattie sono dovute a disturbi del sistema nervoso, quindi dovresti prenderne cura con cura. Non importa quanto sia difficile nel periodo postpartum. Non c'è bisogno di arrabbiarsi per le inezie e trovare più armonia nel mondo esterno.

È necessario riassumere alcuni risultati alla fine e dire che prima di andare da un medico a causa del ritardo delle mestruazioni, è necessario studiare in anticipo tutte le manifestazioni dei sintomi. Se sono abbastanza allarmanti, solo un medico qualificato stabilirà la diagnosi corretta e prescriverà un trattamento rapido ed efficace.

Quando le mestruazioni arrivano dopo il parto: caratteristiche

Segna il numero nel calendario o sperare in una data specifica: non ha senso. Molte giovani madri indicano che il ciclo sta migliorando nei primi sei mesi dopo la comparsa del bambino, e alcuni stanno aspettando da più di un anno. "Tutto è puramente individuale", spiegano i medici in questo caso e affermano che non è necessario preoccuparsi se non ci sono sintomi allarmanti associati. È solo che ogni organismo viene ripristinato a modo suo dopo una ristrutturazione così seria come la gravidanza e il parto.

Le statistiche medie sono tali che anche se le mestruazioni dopo il parto arrivano nei primi mesi, a volte fluttuano duramente: con dolore, irritabilità aumentata, e anche su base irregolare. In questo caso, è importante prestare attenzione alla durata e all'ammontare della dimissione.

Normalmente, le mestruazioni dovrebbero durare 3-7 giorni e le deviazioni da questi parametri possono essere un motivo per andare da un medico. Troppo brevi periodi o, al contrario, troppo lunghi (entro pochi giorni si può osservare sanguinamento) sono la prova di problemi con il sistema riproduttivo. I sintomi simili sono caratteristici compreso:

  • - endometriosi,
  • - fibromi uterini,
  • - la comparsa di tumori.

Ma gli intervalli tra i "giorni critici" possono cambiare dopo la nascita. Ad esempio, se prima questo periodo era di 20-30 giorni, allora può essere stabilito in 25 giorni. Questo è un aggiustamento fisiologico naturale che non è motivo di preoccupazione. Lo stesso vale per la comparsa del dolore all'inizio delle mestruazioni e l'intensificazione della cosiddetta "sindrome premestruale", che è caratteristica:

  • - aumentata irritabilità,
  • - piangere,
  • - impatti emotivi,
  • - umore depresso,
  • - vertigini,
  • - nausea,
  • - insonnia e altri sintomi sgradevoli.

Spesso le giovani madri lamentano che i periodi successivi al parto sono diventati dolorosi e provocano disagio. Una tale spiacevole condizione di solito è associata alla guarigione del sistema riproduttivo. Se è aggravato e interferisce con il solito modo di vivere, dovresti consultare un ginecologo ed essere esaminato. Tuttavia, spesso questi stati passano rapidamente.

Spesso succede e viceversa. Le donne che, prima del parto, sperimentavano costantemente dolore durante le mestruazioni, dopo la nascita del bambino, non provano più un tale disagio. Il ciclo è sistemato e passa senza complicazioni.

Un altro parametro importante è la quantità di sanguinamento. In una donna sana, non dovrebbero superare i 50-150 mg. Le deviazioni da questa norma possono essere sintomi di patologie.

Caratteristiche del mese durante l'allattamento

L'assenza di mestruazioni immediatamente dopo il parto e nel periodo postpartum è la preoccupazione della natura per il corpo femminile. Ha bisogno di una ripresa graduale, così come della forza di mantenere la vita e la salute del bambino, di allattare al seno.

Pertanto, tutti i nutrienti e le vitamine vanno alla produzione di latte e nutrizione infantile, ma l'inizio di una nuova gravidanza è bloccato al momento. Responsabile di tale "respiro" è l'ormone prolattina. È lui che sopprime le funzioni principali delle ovaie e interferisce con il processo di ovulazione.

A causa del sano aumento della produzione di questo ormone, il mese dopo il parto può essere assente per tutto il periodo dell'allattamento al seno. In assenza di sintomi spiacevoli associati, questo non è motivo di panico.

Anche la prolattina interferisce con la regolarità del ciclo quando viene ripristinata. Lunghe pause tra periodi, lunghi ritardi e costanti fallimenti possono essere il merito di questo ormone.

Periodi irregolari dopo il parto: cause

In assenza di allattamento al seno, il ciclo mestruale può essere regolato già nei primi 2-3 mesi dopo la nascita. Purché la nascita stessa non fosse grave e non producesse complicanze quali endometrite, sepsi, sanguinamento.

Se dopo il parto ha dovuto combattere con malattie infiammatorie, quindi il ritardo delle mestruazioni è comprensibile. L'utero avrà bisogno di più tempo per ripristinare le funzioni naturali.

Le giovani madri che danno la preferenza all'alimentazione mista del bambino (cioè fornendo latte materno non su richiesta e integrando con miscele artificiali), possono contare sul ripristino del ciclo mestruale 4-5 mesi dopo il parto. Qui tutto è di nuovo molto individuale e questo è solo un termine medio.

I primi periodi possono differire irregolarità, insolita intensità di scarica. Se ci sono ritardi o un "ciclo irregolare" per 4-6 mesi, allora questo può essere un processo fisiologico naturale. Tuttavia, se tali eventi continuano per più di 6 mesi, è necessario contattare uno specialista ed essere esaminati.

Un organismo femminile è considerato pronto per l'inizio di una nuova gravidanza nel periodo in cui il ciclo mensile è completamente ripristinato e regolare.

L'inizio della nuova gravidanza dopo il parto

Un altro motivo per il lungo ritardo delle mestruazioni dopo il parto può essere ... l'inizio di una nuova gravidanza. Il fatto è che la prima ovulazione può verificarsi circa due settimane prima dell'inizio del primo periodo mestruale, cioè, durante questo periodo, quando si conduce una vita sessuale attiva, si può benissimo rimanere di nuovo incinta.

Se la ri-gravidanza è esclusa e il ritardo è già abbastanza grande e causa preoccupazione, è necessario contattare uno specialista per determinare le cause esatte.

Ritardo delle mestruazioni dopo la nascita: cause

Oltre alle cause fisiologiche naturali, possono esserci "ritardi pericolosi" che richiedono l'intervento di specialisti e un esame dello stato del corpo femminile. In normali mestruazioni dovrebbe essere ripristinato in 2-3 mesi dopo la cessazione della lohia (sanguinamento dopo il parto), o dopo il completamento della lattazione.

Se il periodo dell'allattamento al seno è completato e il mese non è ancora arrivato, è necessario escludere prima la gravidanza e i problemi ginecologici. Se le analisi mostrano che tutto è in ordine, è anche necessario sottoporsi ad un esame da parte di un endocrinologo.

Spesso il motivo del lungo ritardo delle mestruazioni dopo il parto può essere dovuto a problemi nel sistema endocrino. In particolare, questo è uno dei sintomi della sindrome di Sheehan. La malattia è caratterizzata da fallimento della produzione di prolattina che di solito si verifica a seguito di complicazioni postpartum: sanguinamento, infiammazione e così via.

Oltre alle malattie endocrine e all'insorgere di una nuova gravidanza, le ragioni del lungo ritardo e del ciclo irregolare dopo la nascita possono essere anche:

  • - mancanza di estrogeni o di disturbi ormonali nel corpo femminile,
  • - cambiamenti cistici nelle ovaie
  • - infezioni e processi infiammatori,
  • - esaurimento generale del corpo di una giovane madre (stress, background emotivo, mancanza di sonno adeguato),
  • - neoplasie nell'utero o nelle ovaie.

In ogni caso, in presenza di numerosi sintomi allarmanti allo stesso tempo, non vale la pena di ritardare l'esame. Lo specialista prescriverà i test necessari e un trattamento adeguato, se necessario.

Qual è la ragione

Sopportare e dare alla luce un bambino è una questione abbastanza seria e responsabile. E ogni donna si sforza di creare condizioni ottimamente confortevoli per questo processo. Pervorozhenitsy più suscettibile di ansia. Eppure, questa è la prima volta nella loro vita, e non è del tutto chiaro cosa e come dovrebbe essere davvero. Leggere libri e parlare con un ginecologo è più teoria. Ma in pratica, tutto è completamente diverso. A questo si aggiunge che il ritardo delle mestruazioni dopo il parto può essere accompagnato da disagio e dolore.

Immediatamente è necessario rassicurare tutte le mamme: il primo e i successivi periodi non si formeranno in un ciclo normale. Per alcuni potrebbe volerci un anno. Immediatamente c'è un'altra domanda molto seria su se è possibile rimanere incinta e se il ritardo è associato ad una possibile gravidanza. Ancora una volta, dobbiamo prendere in considerazione i miti che esistono quando quest'ultimo non si verifica durante l'allattamento. È così?

Prima della comparsa dell'embrione, il ciclo mestruale è nella maggior parte dei casi regolare, e ogni ragazza durante un ritardo va in ospedale, compra test, si sonda e ascolta da sola. Qui è immediatamente associato al concepimento. Il ritardo delle mestruazioni dopo il parto significa qualcos'altro. Enormi cambiamenti ormonali si verificano nel corpo femminile a causa della gestazione. Tutti i 9 mesi, o meglio 40 settimane di ormoni sono prodotti più volte di quanto prescritto, per fornire al feto e al portatore tutto il necessario. Non appena il parto passa, l'equilibrio deve tornare al suo stato normale, e per questo è necessario rivivere la ristrutturazione dell'organismo nel suo complesso. Tutto ciò richiede circa sei mesi o un anno. Di conseguenza, i secondi periodi mestruali dopo il parto potrebbero già essere trascorsi 21 giorni, oppure potrebbero non iniziare affatto. Questo fatto è più spesso confermato da coloro che allattano i bambini.

Bisogno di sapere! Fino a 3 mesi di età, la madre non ha le mestruazioni. Quelle scariche che sono sono lochia. Chiamateli, le mestruazioni sono impossibili. Mostrano che il rivestimento dell'utero sta attraversando un periodo di recupero.

Pin
Send
Share
Send
Send